Viaggio di Pasqua dal Nord del Marocco a Gibilterra fino ai Pueblos Blancos dell’Andalusia

11 – 16 aprile 2020

Sabato 11 Aprile: MILANO/Madrid/TANGERI

Ritrovo dei Signori Partecipanti all’aeroporto di Milano e partenza, con volo di linea IBERIA per Tangeri, via Madrid. All’arrivo a Tangeri, sistemazione in pullman privato e visita della città. Il porto di Tangeri, sullo stretto di Gibilterra, strategico punto di passaggio tra Africa ed Europa fin dai tempi dei fenici, è il più grande porto d’Africa sul mediterraneo. Pranzo libero. Passeggiata nell’antica Medina e successiva sistemazione presso l’Hotel 4 stelle prescelto. Cena e pernottamento.

Domenica 12 Aprile: TANGERI e CHEFCHAOUEN

Dopo la prima colazione in albergo, partenza per la visita di Chefchaouen, la “città Blu”, deliziosa cittadina, fondata nel 1471 da Moulay Ali Rachid allo scopo di contrastare l’avanzata degli invasori portoghesi. Chefchaouen è stata considerata la città “proibita” per aver accolto i mori cacciati dall’Andalusia; gode di un clima straordinario e si sviluppa sotto i monti Tisouka e Meggou che fanno parte del sistema montuoso del Rif. L’influenza andalusa si evidenzia, da un punto di vista architettonico, dalla presenza delle bianche case caratterizzate da piccole finestre blu e da protezioni in ferro battuto. La cittadina si presenta suddivisa in tre quartieri distinti: quello coloniale, quello moderno e la medina; ha ben sette porte tra cui la famosa Bab el Ayn. Pranzo in ristorante locale in corso di visita e rientro a Tangeri in serata. Cena e pernottamento.

Lunedì 13 Aprile: TANGERI/ Gibilterra/CADICE

Dopo la prima colazione in albergo, trasferimento al porto ed imbarco sull’ aliscafo per Gibilterra. Questa città è stata totalmente distrutta durante gli assedi del XVIII secolo ed ogni traccia della dominazione araba e spagnola è stata sostituita da elementi di stampo britannico; passeggiare lungo la pedonale Main Street dà davvero la sensazione di trovarsi oltre la Manica. Tempo a disposizione per il pranzo libero. Al termine delle visite, sistemazione in pullman privato e proseguimento per la vicina Cadice, antica città portuale andalusa. Sistemazione in Hotel 4 stelle. Cena e pernottamento

Martedì 14 Aprile CADICE/ I PUEBLOS BLANCOS e ARCOS de la FRONTERA

Dopo la prima colazione in albergo, partenza in direzione dei Pueblos Blancos, la zona più caratteristica e affascinante di tutta l’Andalusia, dove il tempo sembra essersi fermato. Questi deliziosi villaggi sono spruzzi di abbacinante calce bianca sulle creste montuose e le rocce scoscese a cavallo tra l’Atlantico e il Mediterraneo. Le case presentano piccole finestre; condizione necessaria per resistere al sole che qui d’estate supera i 40 gradi. Le strette vie sono abbellite da fiori coloratissimi e piante appese alle pareti. Dopo la visita, tempo a disposizione per il pranzo libero. Visita di Arcos de la Frontera, il più rinomato di questi centri; a piedi si raggiungerà la Plaza del Cabildo, da cui si gode un panorama straordinario sulla vallata. Sosta davanti alle facciate degli edifici antichi più importanti tra i quali possiamo annoverare: il palazzo del Conde del Águila, il cui prospetto, “ricamato” nella pietra, racconta gli intrecci di arte tardogotica e stile mudejar; la Basilica di Santa Maria che presenta la sua facciata in gotico plateresco su cui si proietta l’ombra della torre neoclassica ed infine la chiesa di San Pedro oltre al Convento de la Encarnacìon. In serata, al termine delle visite, rientro in hotel a Cadice. Cena e pernottamento.

Mercoledì 15 Aprile: CADICE/TARIFA e la COSTA de la LUZ

Dopo la prima colazione in hotel, partenza verso la Costa de la Luz che si estende tra Cadice e Tarifa, caratterizzata da meravigliose spiagge bianche incontaminate e bagnate dalle acque impetuose dell’Oceano Atlantico. La prima sosta sarà al sito archeologico di Baelo Claudia, antico insediamento romano magnificamente inserito nell’insenatura di Bolonia che fu senza dubbio la città più importante nella cornice della Betica Romana, sotto la giurisdizione di Cesare Claudio. Affacciati direttamente sul mare, sono ancora ben visibili: il tempio dedicato alla divinità Iside, il foro, la basilica, con il suggestivo alzato delle sue colonne e la fabbrica di lavorazione del pesce dove veniva prodotto il garum: una salsa di pesce usata dai romani come condimento per loro pietanze. Si proseguirà alla volta di Vejer de la Frontera. Anche questa è considerata un’ altra piccola gemma di origine moresca posta su di una collina dalla quale si potrà godere di vista sul mare. La parte vecchia di Vejer de la Frontera è circondata da mura e le sue strade sono da percorrere a piedi in quanto troppo strette per essere percorse dalle automobili: tra questo “grappolo” di edifici spiccano: il castello medievale del XI secolo, il quartiere ebraico e l’arco della Segur. Dopo la visita, pranzo in ristorante. Successiva tappa della giornata sarà Medina Sidonia; nella “passeggiata” attraverso la storia e l’arte di questo lembo di terra, si potrà ammirare la basilica di Santa Maria Incoronata, della prima metà del XVI secolo costruito sopra i resti dell’antica moschea. Al termine, rientro a Cadice. Cena e pernottamento.

Giovedì 16 Aprile: CADICE/Jerez/MILANO

Dopo la prima colazione in hotel, incontro con la guida e visita della “nobile Cadice”. La città fu fondata intorno al 1100 a.c. dai Fenici ed è arroccata su un promontorio, in una splendida posizione sull’Atlantico. Cadice vanta un porto vivacissimo ed un centro storico affascinante. Domina, incontrastata, l’immensa cupola della Cattedrale, ricoperta da migliaia di tegole dorate che nelle giornate di sole la fanno brillare di luce accecante e la rendono visibile, a grande distanza, anche dal mare. L’architettura della Cattedrale combina in maniera superba stile barocco e neoclassico: la facciata è incastonata tra due alte torri, mentre l’interno stupisce per la maestosità dei suoi spazi. L’ ultima visita sarà all’Alcazar di Jerez, per chiudere in bellezza con il fascino insuperabile della magica architettura di origine araba. Addossato alle mura della città e protetto da porte e torri, l’Alcazar costituisce un imponente complesso difensivo. Tempo a disposizione per il pranzo libero. Trasferimento all’aeroporto di Jerez per il volo di linea IBERIA per Milano, via Madrid.

Programma dettagliato (pdf)

Prenota Ora!